Vapor d´acqua nell´atmosfera

Proponiamo un breve testo dal grazioso libro “La Scienza delle Nuvole” di R.A.R. Tricker. Apprendista a Cambridge in fisica sotto la tutela di Rutherford, Tricker divenne poi maestro di scuola e poi ispettore. Fu autore di diversi libri divulgativi, e di preziose riflessioni sulla scienza nell’educazione.

Non sempre è ben compreso cosa significhi il termine “vapore”. Quasi tutte le sostanze possono esistere in tre stati – solido, liquido e gassoso. Questi stati sono ben conosciuti e non è difficile distinguerli. I solidi mantengono una forma e una grandezza quasi costante. Possono essere piegati, o dilatati un po’ con il calore, ma altrimenti la loro forma e dimensione non cambiano. I liquidi, d’altro canto, possiedono una dimensione o volume ben definito, ma non una forma definita. Possono prendere qualunque forma – di solito quella del recipiente che li contiene. I gas sono ancora diversi nel senso che non hanno né una forma né una dimensione definita. Una data quantità di gas può riempire ogni contenitore in cui è posta, per quanto grande o piccolo possa essere.

Quando un liquido evapora la sua sostanza cambia dallo stato liquido allo stato gassoso, e quando condensa nuovamente ritorna allo stato liquido. Tutti i gas possono essere liquefatti (o condensati). Quelli che possono essere condensati con relativa facilità semplicemente aumentando la pressione sono detti vapori. La differenza tra un gas e un vapore non è quindi molto grande. Il termine gas è talvolta usato per indicare solo quelli che possono essere condensati con difficoltà (i cosiddetti gas permanenti) ma è meglio usare la parola gas per includere tutti i corpi allo stato gassoso. E così i gas includono i vapori, e vapori sono soltanto certi tipi di gas.

La maggior parte dei gas comuni, come l’ossigeno e l’azoto dell’aria, e il biossido di carbonio che è presente in piccole quantità, sono incolori e invisibili. Alcuni gas, come il cloro e il perossido d’azoto, sono colorati e si possono vedere facilmente. Il vapor d’acqua [water vapour] comunque, è uno dei gas incolori e invisibili. Il “vapore” [steam] è propriamente vapor d’acqua, e anch’esso invisibile. Quello che vediamo uscire dal becco della teiera d’acqua bollente non può, pertanto, essere vapore. È semplicemente una nuvola di piccole goccioline d’acqua, che sono condensate dal vapore o vapor d’acqua caldo che esce dal beccuccio e si mescola con l’aria fredda circostante. Il “vapore” che esce in dense nubi dalle antiche locomotive, similmente, non è vapore. Una parte è fumo del carbone che brucia, ma in gran parte, ancora, è una nuvola di goccioline d’acqua.

Un semplice esperimento potrà servire a dimostrare questi fatti.

Nella figura a sinistra, l’acqua viene bollita nella latta e dal tubo di rame esce la familiare nuvola solitamente detta erroneamente “vapore”. La nuvola non è realmente vapore ma una miriade di minutissime gocce d’acqua che sono condensate quando il vapore, che é invisibile, si mescola con l’aria fredda circostante. Vicino alla fine del tubo c’è uno spazio pulito prima che il mescolamento e il raffreddamento abbia luogo.

Nella figura di destra, se il tubo di rame viene scaldato con un secondo becco bunsen, il vapore può essere reso così caldo che non viene raffreddato a sufficienza per condensare,  e la condensazione non avviene. La nuvola scompare. La presenza del vapore caldo (vapore superriscaldato) può comunque essere dimostrata tenendo un pezzo di carta sul percorso, o un fiammifero che prende fuoco.

È molto semplice mostrare che in condizioni ordinarie c’è vapor d’acqua nell’aria. È lì come uno dei gas dell’aria. Se l’aria è raffreddata abbastanza, il vapor d’acqua contenuto in essa condenserà in forma liquida. È un’esperienza familiare che una bottiglia d’acqua fredda portata in una stanza calda si ricopre prontamente sull’esterno di goccioline d’acqua. Queste goccioline provengono dal vapor d’acqua nella stanza, e sono proprio come gocce di rugiada, che si formano nello stesso modo per raffreddamento di notte all’aperto.

* Campi obbligatori

Aggiungi commento

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo con l'uso del sito dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più